Logo Università degli Studi di Milano



 
 

Sezione di Fisiologia e Farmacologia "S. Nicosia"  

La ricerca nel campo delle Scienze del Farmaco richiede competenze interdisciplinari che spaziano dalla progettazione e sintesi di molecole attive alla loro caratterizzazione farmacologica e funzionale. In questo ultimo ambito la Sezione di Fisiologia e Farmacologia, con i suoi vari laboratori, si occupa in modo specifico dello studio dei meccanismi cellulari e molecolari delle malattie, inclusa l’identificazione e validazione dei possibili target farmacologici, nonché della caratterizzazione biomolecolare e fisiopatologica dell’azione di ormoni e farmaci, mediante l’utilizzo di approcci biotecnologici innovativi per un reale e rapido trasferimento all’uomo delle scoperte di base effettuate in laboratorio.

All’interno della Sezione operano diversi gruppi di ricerca, le cui tematiche spaziano dalla farmacologia del sistema cardio-polmonare, neuroendocrino e immunitario con particolare riferimento alla neurobiologia e neurofisiologia della funzione riproduttiva, alle differenze di genere nel metabolismo e nel sistema immunitario e all’attività degli estrogeni. Altre tematiche affrontate vertono allo studio dal ruolo dei fattori ambientali, genetici ed epigenetici nelle malattie neuropsichiatriche e neurodegenerative, all’identificazione di bersagli farmacologici innovativi per patologie legate ai disturbi metabolici dell’anziano, dell’asse endocrino-riproduttivo e dei tumori.
Peculiarità che distingue e caratterizza questa Sezione e i suoi docenti è lo studio delle basi molecolari e cellulari di numerosi processi infiammatori alla basi di patologie quali quelle cardio- e cerebro-vascolari, polmonari e del sistema nervoso centrale, nonchè lo studio della biosintesi e del meccanismo d’azione dei mediatori lipidici coinvolti nella risposta infiammatoria e nella sua risoluzione. Scopo ultimo di queste ricerche è sicuramente quello dello sviluppo di approcci farmacologici innovativi per la prevenzione e cura di queste patologie mediante lo sviluppo di modelli biotecnologici avanzati.

Torna ad inizio pagina